Mostra fotografica di acqua sul Burkina Faso: il paese dove l'acqua si misura in kilometri – Dal 21 Marzo a Empoli

288

Lunedì 21 Marzo (alla vigilia della Giornata Mondiale dell’Acqua 2011 che come ogni anno, viene celebrata il 22 Marzo) alle ore 11, presso lo spazio espositivo del Cenacolo degli Agostiniani in via de’ Neri a Empoli, verrà presentata la mostra fotografica “Black&Water – Burkina Faso: il paese dove l’acqua si misura in chilometri”. L’inaugurazione sarà introdotta da una tavola rotonda sui temi della solidarietà e della cooperazione internazionali alla quale prenderanno parte Luciana Cappelli, Sindaco di Empoli, Don Andrea Cristiani, fondatore Movimento Shalom, Paolo Prosperini, direttore di Centro Nord Sud, Claudio Vanni, presidente della Fondazione Il Cuore si Scioglie e Fausto Valtriani, presidente di Acque SpA. Le opere esposte sono del fotografo pisano (nonché informatico del Gruppo Acque) Pierpaolo Pernici, che svela la parte più intensa del suo reportage fotografico dal Burkina Faso, dove è stato di recente, al seguito di un viaggio umanitario con la onlus Movimento Shalom.

ACQUA PER IL BURKINA – Acque SpA è da anni impegnata proprio a fianco di questa meritoria realtà associativa toscana per il progetto Acqua per il Burkina. Il Burkina Faso è un paese dell’Africa sub-sahariana: uno tra i più poveri al mondo e che combatte quotidianamente contro la cronica mancanza d’acqua. La popolazione ha scarse possibilità d’accesso ad acqua salubre; per questo ha alti indici di mortalità e malattie. Negli anni, Acque SpA ha contribuito alla realizzazione di pozzi, al rinnovo e alla manutenzione di alcuni macchinari – come le fondamentali trivelle – e all’attività di formazione in Italia di tecnici burkinabee impegnati nell’attività di perforazione. Il progetto ha dato  buoni frutti: oggi nella zona d’intervento operano due imprese di perforazione efficienti, che hanno realizzato gratuitamente oltre 160 pozzi, anche grazie al contributo di aziende, enti, privati e organizzazioni umanitarie di varie parti del mondo: questi interventi consentono oggi a migliaia di persone di poter accedere all’acqua potabile. Sempre in Burkina, Acque SpA ha contribuito alla realizzazione di un’importante opera idraulica a Godo. Dal 2008 Acque SpA ha istituito un cospicuo fondo per iniziative di solidarietà internazionale, affidando al Centro Nord Sud, un’istituzione della Provincia di Pisa, i compiti d’individuazione, coordinamento e gestione dei progetti di cooperazione per l’accesso all’acqua.

LA MOSTRA – La mostra, che si sviluppa lungo i corridoi del suggestivo chiostro dell’ex-convento, rimarrà aperta dal 21 Marzo al 3 Aprile, tutti i giorni dalle ore 16 alle 19. Le 30 opere di Pernici, in bianco e nero e con una particolare attenzione al tema dell’acqua – da cui deriva l’evocativo gioco di parole del titolo della mostra – ci parlano di una terra e di un popolo che misurano il tempo e lo spazio con un metro diverso da quello di noi occidentali. I volti, gli sguardi ci raccontano di vite talmente diverse dalle nostre che si è voluto mettere accanto a ciascuna fotografia un piccolo specchio, in modo da rendere permanente il confronto tra le due realtà. Dalla schiettezza e dall’intensità dell’obiettivo di Pernici emergono allora, non solo il dramma della povertà e il costante protagonismo dell’assenza d’acqua, ma anche la straordinaria vitalità ed allegria di chi guarda il mondo con occhi diversi, forse migliori.

GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA – La mostra ha anche lo scopo di sensibilizzare i visitatori sui temi che sono alla base della Giornata Mondiale dell’Acqua. L’acqua, infatti, non è ancora un diritto diffuso su tutto il pianeta. Senza di esso non si possono godere altri importanti diritti della persona umana e che dovrebbero valere ad ogni latitudine: la vita, la salute, la sicurezza alimentare, l’istruzione, la pace.  Una delle sfide centrali di questo secolo sarà quindi la gestione sostenibile, efficiente ed equa di limitate risorse idriche; il riconoscimento del diritto universale all’acqua dovrà essere elemento centrale per lo sviluppo umano e strumento di lotta alla povertà. Sono sfide, queste, che sembrano non riguardarci poiché i paesi ricchi come l’Italia, nonostante i drastici mutamenti climatici, hanno ancora ampie possibilità d’accesso alla risorsa. Tuttavia il diritto all’acqua è una sfida globale e mondiale che arriverà fin dentro le nostre case. Per questo è importante estendere l’accesso all’acqua potabile, custodendo e gestendo al meglio questo patrimonio dell’umanità, lavorando per poterla garantire a chi non ce l’ha.

NESSUN COMMENTO