ENEA – RAEE 2010 – Rapporto Annuale Efficienza Energetica

369

rapporto efficienza energetica 2010 EneaIl Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica 2010, realizzato dall’ENEA, ha lo scopo di fornire, secondo quanto previsto dall’articolo 5 del Decreto Lgs. 115/08, il quadro sullo stato e gli sviluppi dell’efficienza energetica in Italia e sull’impatto, a livello nazionale e territoriale, delle politiche e misure per il miglioramento dell’efficienza negli usi finali.

In particolare, il Rapporto contiene:

− l’evoluzione dell’intensità energetica sia a livello aggregato dell’intera economia, sia di settore di uso finale;

− la rassegna degli strumenti nazionali per il miglioramento dell’efficienza energetica;

− l’analisi e la verifica del raggiungimento degli obiettivi indicativi nazionali di risparmio energetico;

− la valutazione dell’efficacia e dell’efficienza economica dei principali strumenti nazionali per il miglioramento dell’efficienza;

− l’analisi dei miglioramenti di efficienza e dei risparmi conseguiti nei settori di uso finale;

− la valutazione dei risparmi energetici conseguiti a livello regionale con l’attuazione delle principali misure nazionali di incentivazione dell’efficienza energetica;

− la rassegna delle politiche regionali in materia di efficienza energetica.

Il Rapporto è innanzitutto uno strumento di supporto all’azione dello Stato nella predisposizione delle proprie politiche energetiche e, attraverso il monitoraggio e la valutazione, offre un mezzo per regolare in maniera dinamica gli strumenti della politica e per renderli più efficaci ed efficienti.

Principali risultatiEvoluzione efficienza energetica

Nel 2009 l’indice di efficienza energetica ODEX per l’intera economia è risultato pari a 89,6 e quindi il miglioramento dell’efficienza energetica rispetto al 1990 è stato pari al 10,4%.

I vari settori hanno contribuito in modo diverso all’ottenimento di questo risultato:

il residenziale è quello che ha avuto miglioramenti regolari e costanti per tutto il periodo 1990-2009;

l’industria ha avuto significativi miglioramenti solo negli ultimi quattro anni;

il settore dei trasporti, che ha mostrato andamento altalenante, ha infine registrato gli incrementi di efficienza più modesti.2

Valutazione dell’efficacia e dell’efficienza economica dei principali strumenti nazionali per il miglioramento dell’efficienza energetica

Nel Rapporto l’ENEA ha analizzato gli strumenti normativi e incentivanti attivati in Italia nel quadriennio 2007-2010 per il miglioramento dell’efficienza energetica al fine di comprendere l’efficacia di tali strumenti in rapporto al conseguimento degli obiettivi stabiliti a livello nazionale.

Gli interventi che hanno maggiormente contribuito al raggiungimento dell’obiettivo sono stati:

• l’installazione di impianti di riscaldamento efficienti nel settore residenziale,

• l’adozione di standard minimi di prestazione energetica del complesso edificio-impianto nel settore terziario,

• l’installazione di impianti di cogenerazione ad alto rendimento, di motori elettrici ad alta efficienza e il recupero di cascami di calore nel settore industriale,

• il rinnovo eco-sostenibile del parco autoveicoli nel settore trasporti.Il grafico seguente mostra l’efficacia dei diversi strumenti di incentivazione e normativi, valutata in base al contributo di ciascuno di essi rispetto all’obiettivo complessivo 2010.

Giovanni LELLI, Commissario dell’ENEA, ha dichiarato: “Questo Rapporto evidenzia come il nostro Paese abbia saputo impegnarsi in questi ultimi anni per migliorare la propria efficienza energetica, attuando una riconversione del sistema produttivo e dei servizi energetici attraverso l’adozione di tecnologie più innovative. Ha contribuito a questo miglioramento anche una maggiore consapevolezza dei cittadini che hanno saputo cogliere le opportunità offerte dallo Stato con gli incentivi  per  la riqualificazione del patrimonio immobiliare migliorando il proprio benessere abitativo. L’efficienza energetica è ormai diventata uno dei capisaldi su cui si basa la nostra strategia energetica per ridurre sia la domanda che la dipendenza negli approvvigionamenti  ed ha permesso all’Italia di raggiungere ottimi risultati, in linea con gli indirizzi e le politiche energetiche europee. Per mantenere questo trend nei prossimi anni serviranno nuovi interventi ed azioni in grado di orientare gli investimenti e di influenzare i comportamenti di imprese, Pubblica Amministrazione e cittadini.”

Scarica il RAEE 2010 Rapporto Annuale Efficienza Energetica

 

 

NESSUN COMMENTO