Girard-Perregaux sponsor di 'Blue Forest' alla biennale di Venezia

921

blueforestAlberi con il tronco blu: la livrea verde dei rami e delle foglie e quelle strisce di tessuto color  cobalto sulla corteccia che catalizzano l’attenzione.  Una performance che va sotto il nome di “land art”  e il cui titolo è “Blue Forest”, un progetto artistico ed ambientale ideato dall’artista e architetto Lucio Micheletti e selezionato dalla Biennale d’arte di Venezia, in svolgimento  dal 1° giugno al 24 novembre 2013.

L’iniziativa “Blue Forest” è patrocinata dalla casa svizzera di alta orologeria Girard-Perregaux con l’obiettivo di sensibilizzare il visitatore al rispetto dell’ambiente. E’ un’altra delle “collaborazioni responsabili” che la maison GP ha messo a punto, come quella, altrettanto virtuosa, sulla tutela degli oceani in collaborazione con l’associazione con Susan e David Rockefeller, o l’edizione limitata Foreverglades con gli artisti del cracking art Group, che si adoperano per la preservazione delle everglades in Florida o, ultimamente, il suo sostegno alla «tohoku manufacture area», nella regione di Fukushima, in Giappone, per sostenere e incoraggiare gli artigiani locali nel loro sforzo di ricostruzione.

Il progetto artistico e ambientale, una performance di land art di Lucio Micheletti

Il colore blu, presente in natura ma qui utilizzato con materiali naturali in un contesto inedito e ben preciso, invita lo spettatore a interrogarsi sul messaggio che l’artista abbia voluto trasmettere, che è sostanzialmente quello di far capire quanto poco basti per cambiare il proprio ambiente e preservarlo.

«Forêt blue» sottolinea come la metamorfosi di un ambiente si possa attuare in maniera spettacolare avendo però sempre a cuore, principalmente, l’equilibrio ecologico del luogo. Quasi a dire: è tempo di responsabilizzarsi.

I disegni a inchiostro nelle boutique di Girard-Perregaux

Alcuni disegni a inchiostro del progetto, firmati dallo stesso Lucio Micheletti e ispirati a «blue Forest» saranno presentati nelle boutique Girard-Perregaux.


NESSUN COMMENTO