Premio europeo per le città accessibili: aperto il bando

1019

È ufficialmente aperto il bando per partecipare al premio europeo per le città accessibili!

La Commissione europea annuncia oggi l’apertura del bando per partecipare all’Access City Award 2017, il premio europeo per le città accessibili alle persone con disabilità e agli anziani. Possono partecipare città dell’UE con una popolazione superiore ai 50.000 abitanti; il termine ultimo per la presentazione delle candidature è l’8 settembre 2016 (a mezzanotte, ora di Bruxelles).

Quest’anno la cerimonia di consegna dei premi alle cinque città europee vincitrici avrà luogo il 29 Novembre 2016 a Bruxelles, in occasione della conferenza per l’annuale “Giornata europea delle persone disabili”. Saranno premiate le città che hanno promosso iniziative volte a migliorare l’accessibilità agli spazi urbani (sia pubblici, sia privati) per le persone con disabilità o anziane, in particolare nei seguenti ambiti: ambiente costruito, spazi attrezzati per bambini, luoghi di lavoro, trasporti pubblici e tecnologie della comunicazione. L’Access City Award è organizzato dalla Commissione europea insieme al Forum europeo della disabilità.

Due menzioni speciali

Oltre al primo, secondo e terzo premio, la settima edizione dell’Access City Award prevede il conferimento di due riconoscimenti speciali:

  • La menzione speciale nella categoria “accesso al lavoro” premierà gli sforzi delle città per garantire che tanto i servizi pubblici per l’impiego, quanto le iniziative nel settore privato facilitino l’inserimento nel mondo del lavoro e rendano accessibili alle persone con disabilità le informazioni sulle posizioni disponibili.  Le iniziative possono consistere, ad esempio, nel migliorare l’accessibilità dei posti di lavoro e dei trasporti per l’intero tragitto casa-lavoro, aumentando così le opportunità di inserimento lavorativo per le persone con disabilità.
  • La menzione speciale nella categoria “smart city accessibili” riconoscerà l’operato compiuto dalle città all’insegna dell’inclusione, in particolare per rendere le tecnologie, l’interfaccia utente e i relativi servizi accessibili alle persone con disabilità, in linea con i principi della progettazione universale.

80 milioni di persone con disabilità

L’Unione europea conta circa 80 milioni di persone con disabilità, un numero destinato ad aumentare dato il progressivo invecchiamento demografico. La creazione di ambienti all’interno dei quali le persone possano vivere per tutto l’arco della loro vita in maniera autonoma e dignitosa assume pertanto un’importanza sempre più cruciale.

L’Access City Award è un’iniziativa lanciata nel 2010 al fine di premiare il lavoro svolto dalle città per migliorare l’accessibilità in ogni aspetto della vita, nell’ottica di una maggiore integrazione. Negli ultimi sei anni, oltre 250 città hanno presentato la domanda di partecipazione; di queste, 33 hanno ottenuto un riconoscimento. Anno dopo anno sono emersi progetti esemplari, a dimostrazione dell’entusiasmo e dell’impegno delle città.

Il premio rientra nel più ampio sforzo dell’UE di creare un’Europa senza barriere. Una migliore accessibilità contribuisce a eliminare i numerosi ostacoli che le persone con disabilità si trovano tuttora ad affrontare nella vita quotidiana: nei trasporti, nell’accesso alle informazioni o nella vita autonoma.

L’Access City Award illustra un’ampia gamma di interventi e politiche che possono contribuire al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Politiche per l’accessibilità agli ambienti costruiti, aree attrezzate per bambini, luoghi di lavoro e informazioni sui trasporti pubblici: ogni aspetto della vita urbana deve prendere in considerazione i cambiamenti demografici in atto.

Il premio costituisce per gli amministratori pubblici un’eccellente opportunità di valutare i pregi e i difetti delle loro città in termini di accessibilità e per apportarvi miglioramenti.

L’accessibilità, coerentemente con la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, è uno dei pilastri portanti della Strategia europea sulla disabilità 2010-2020, che mira a creare un’Europa senza barriere per tutti.

Quali città sono state premiate negli anni precedenti?

La sesta edizione dell’Access City Award, svoltasi nel 2016, ha visto la vittoria di Milano. Al secondo posto si è classificata la città di Wiesbaden (Germania), premiata per l’impegno teso a rendere la città accessibile a tutti i cittadini. Tolosa (Francia) ha conquistato il terzo premio, nonché la neointrodotta menzione speciale come “Smart City” per gli interventi a favore della popolazione disabile e anziana della città grazie alla tecnologia, con la creazione di un’apposita task force. Vaasa (Finlandia) ha ricevuto una menzione speciale per l’impegno nel migliorare l’ambiente di lavoro per i cittadini anziani e disabili. Un’altra menzione speciale è stata assegnata a Kaposvár (Ungheria) per l’impegno nel migliorare l’accessibilità.

Nellaquinta edizione, il primo premio è stato vinto dalla città svedese di Borås. Helsinki(Finlandia) si è aggiudicata il secondo premio, mentre ilterzo premioè stato conferito aLubiana(Slovenia). Le menzioni speciali sono andate a Logroño (Spagna) per l’ambiente costruito e gli spazi pubblici e a Budapest (Ungheria) per l’impegno nel settore dei trasporti. Arona (Spagna) e Lussemburgo hanno ricevuto una menzione speciale per le strutture e i servizi pubblici.

La quarta edizione del premio europeo per le città accessibili, nel 2014, ha visto premiata al primo posto la città di Göteborg (Svezia). Il secondo premio è stato assegnato a Grenoble (Francia), il terzo a Poznań (Polonia), mentre riconoscimenti speciali sono andati a Belfast (Regno Unito), Dresda (Germania), Burgos e Malaga (Spagna).

Nella terza edizione il premio è stato assegnato alla città tedesca di Berlino.  Le altre due finaliste sono state Nantes (Francia) e Stoccolma (Svezia); le menzioni speciali sono andate a Pamplona (Spagna) per l’ambiente costruito e gli spazi pubblici, a Gdynia (Polonia) per i trasporti e le relative infrastrutture, a Bilbao (Spagna) per le tecnologie informatiche e di comunicazione, comprese le nuove tecnologie, e a Tallaght (Irlanda) per le strutture e i servizi pubblici.

Nella seconda edizione, si è aggiudicata il primo premio la città austriaca di Salisburgo. Le altre tre città finaliste sono state Cracovia (Polonia), Marburg (Germania) e Santander (Spagna). Riconoscimenti speciali sono andati a Terrassa (Spagna), Lubiana (Slovenia), Olomouc (Repubblica Ceca) e Grenoble (Francia).

Nell’edizione inaugurale del 2010, la città vincitrice è stata Avila (Spagna). Le altre tre città finaliste sono state Barcellona (Spagna), Colonia (Germania) e Turku (Finlandia).

 Come si partecipa?

Il modulo di candidatura online dovrà essere compilato (in lingua inglese, francese o tedesca) e inviato entro e non oltre l’8 settembre 2016. La nota orientativa e le regole per la partecipazione sono disponibili in tutte le lingue ufficiali dell’UE consultando la pagina web: http://ec.europa.eu/social/main.jsp?langId=en&catId=88&eventsId=1113

Come si svolgono le selezioni?

Le giurie nazionali selezionano fino a tre città in ogni paese membro, sulla base dei criteri forniti dalla Commissione europea. La giuria europea successivamente decreta i vincitori tra i candidati nazionali preselezionati.

Per saperne di più

Maggiori informazioni su Access City Award

NESSUN COMMENTO